logo MyPortal
Inizio pagina Salta ai contenuti

Comune di Gosaldo

Provincia di Belluno - Regione del Veneto


Contenuto

Calendario

Calendario eventi
« Luglio  2019 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
             

News

Errore caricamento immagine. stemma comunale

AVVISO D’ASTA PER LA VENDITA DI LEGNAME DA COMMERCIO LOTTO BOSCHIVO DENOMINATO “VALLASIN - GARDELLON”

Scadenza: ore 12:00 del giorno 26 luglio 2019


Si comunica che, in esecuzione della Decreto del Sindaco – Soggetto attuatore nominato dal Commissario Delegato n. 6 del ­ 01/07/2019 l’asta pubblica per la vendita di legname da commercio di cui all’oggetto si terrà il giorno 29 luglio 2019 alle ore 15.00 presso il Municipio di Gosaldo in Piazza S. D’Acquisto n. 1 - 32020 Gosaldo (BL) - ad unico e definitivo incanto, con offerta segreta, secondo le modalità di cui agli artt. 73/c e 76 del Regolamento sulla Contabilità generale dello Stato (R.D. 827/1924).

 

Il lotto è costituito da schianti di piante abbattute dall'evento calamitoso del 29-30 ottobre 2018. Si specifica che la massa presunta di questi ultimi, calcolata sulla provvigione unitaria come indicata nella seguente tabella, presuppone la possibilità di rilevanti scostamenti rispetto alla massa effettiva, stante l'estrema difficoltà del relativo calcolo delle piante abbattute.

 

DESCRIZIONE SOMMARIA DEL LOTTO “VALLASIN - GARDELLON”:

 

Ubicazione: ZONA Vallasin Gardellon

 

 

 

Particelle n. A0020 – A0022 – A0200 – A0210 – B0081 – B0090 del Piano di riassetto forestale in vigore – capitolato tecnico prot. 271586 del 24/06/2019 della Regione Veneto 

 

 

 

Piante di abete rosso

====

TOTALE PIANTE

 

Massa cubica presunta (mc) ai fini commerciali

1.000

Stima forestale (euro/mc) per l’assortimento unico

€ 25,00

 

 

L’aggiudicazione sarà effettuata al miglior offerente ed avverrà anche nel caso di partecipazione di un solo concorrente, purché il prezzo offerto superi, o almeno eguagli, il minimo a base d’asta stabilito in euro 25,00 al mc di legname. In caso di offerte uguali si procederà all’aggiudicazione tramite sorteggio. Non sono ammesse offerte al ribasso.

Il plico contenente la documentazione amministrativa e l’offerta dovrà essere recapitato al protocollo comunale entro le ore 12.00 del giorno 26 luglio 2019. Il recapito tempestivo del plico rimane ad esclusivo rischio del mittente. È esclusa qualsivoglia responsabilità del Comune ove, per qualsiasi motivo, il plico non pervenga entro il termine previsto, nonostante sia stato spedito entro il termine suddetto.

Pena l’esclusione, il plico, sigillato e controfirmato sui lembi di chiusura, dovrà recare oltre all’intestazione del mittente la seguente dicitura: “NON APRIRE – ASTA PER L’AGGIUDI-CAZIONE DEL LOTTO BOSCHIVO VALLASIN GARDELLON”. L’offerta e i documenti dovranno essere redatti in lingua italiana.

Il plico dovrà contenere al suo interno, pena l’esclusione dalla gara, due buste opache, sigillate in maniera tale che sia garantita l’assoluta integrità, firmate su tutti i lembi di chiusura, di cui:

1. la prima, dovrà contenere:

  • la richiesta di partecipazione redatta secondo il modulo allegato sub “A”, recante all’esterno la dicitura “DOMANDA DI PARTECIPAZIONE”, il nominativo e l’indirizzo del concorrente;
  • il deposito cauzionale provvisorio a garanzia dell’offerta per il lotto, mediante assegno circolare intestato al Comune di Gosaldo dell’importo di € 500,00;
  • copia di documento d’identità del firmatario;

2. la seconda, contenente esclusivamente l’offerta economica in bollo da 16,00 € redatta secondo il modulo allegato sub “B”, recante all’esterno la dicitura: “OFFERTA ECONOMICA”, il nominativo e l’indirizzo del concorrente.

 

Metodo di offerta e requisiti per l’ammissione

L’asta sarà tenuta col metodo delle offerte segrete, da confrontarsi con il prezzo a base di ciascun lotto stabilito nel presente avviso.

Per essere ammessi all’asta pubblica i concorrenti devono essere in possesso dei seguenti requisiti:

1) essere iscritti nei Registri della Camera di Commercio come ditta esercitante l’attività di commercio e vendita del legname o analoga per le ditte straniere;

2) essere in regola con i versamenti relativi alle posizioni assicurative e contributive I.N.P.S. e I.N.A.I.L. o analoga per le ditte straniere;

3) aver adempiuto a tutti gli obblighi contenuti in precedenti contratti con la Pubblica Amministrazione appaltante e di non avere con la stessa Amministrazione contenziosi e pendenze in corso, né debiti iscritti a ruolo;

4) aver prestato la cauzione provvisoria dell’importo di € 500,00 con assegno circolare intestato al Comune di Gosaldo. Detta cauzione provvisoria verrà svincolata al termine dell’asta pubblica per le Ditte non aggiudicatarie e al contrario trattenuta a titolo di cauzione per la Ditta aggiudicataria fino alla firma del contratto ed a garanzia della firma del contratto stesso;

5) nei confronti del legale/legali rappresentante della ditta non deve essere pendente procedimento per l’applicazione di una delle misure di prevenzione di cui all'articolo 3 della legge 27 dicembre 1956, n. 1423 o di una delle cause ostative previste dall’articolo 10 della legge 31 maggio 1965, n. 575 e ss.mm.;

6) nei confronti del legale/legali rappresentante della ditta non deve essere in corso la sanzione interdittiva di cui all'articolo 9, comma 2, lettera c), del D.Lgs. del 8 giugno 2001 n. 231 o altra sanzione che comporta il divieto di contrarre con la pubblica amministrazione, compresi i provvedimenti interdittivi di cui all'articolo 36-bis, comma 1, del decreto-legge 4 luglio 2006, n. 223, convertito, con modificazioni, dalla legge 4 agosto 2006 n. 248;

7) la ditta non deve essere incorsa nei due anni precedenti alla data della gara, nei provvedimenti previsti dall'art. 44 del D.Lgs 25.7.1998, n. 286 sull’immigrazione, per gravi comportamenti ed atti discriminatori;

8) nei confronti del legale/legali rappresentante della ditta non deve essere stata pronunciata sentenza di condanna passata in giudicato, o emesso decreto penale di condanna divenuto irrevocabile, oppure sentenza di applicazione della pena su richiesta, ai sensi dell’articolo 444 del codice di procedura penale, per reati gravi in danno dello Stato o della Comunità che incidono sulla moralità professionale;

9) la ditta non deve trovarsi la ditta in stato di liquidazione, fallimento, e di non aver presentato domanda di concordato, né di versare in uno stato in incapacità a contrarre con la pubblica amministrazione;

10) sono escluse dall’asta pubblica e dalle utilizzazioni le ditte che negli ultimi 5 anni sono incorse in sanzioni amministrative accertate in modo definitivo per la violazione di norme in materia forestale.

 

Modalità di stesura e presentazione dell’offerta

Nell’offerta dovrà essere indicato, sia in lettere che in cifre, il prezzo al metro cubo per l’assortimento unico di legname. L’offerta dovrà essere sottoscritta dal titolare o dal legale rappresentante della Ditta concorrente e non dovrà recare condizioni di sorta a pena di esclusione.

Il prezzo offerto dovrà essere migliore o almeno pari rispetto a quello posto a base d’asta, l’offerta dovrà essere sottoscritta con firma leggibile e per esteso dall’offerente, con indicazione dei dati identificativi.

Qualora ci fosse discordanza tra il prezzo in lettere e in cifre sarà ritenuta valida l’offerta più conveniente per il Comune.

L’offerta segreta dovrà essere inserita in separata busta debitamente chiusa e controfirmata sui lembi di chiusura e dovrà riportare all’esterno l’indicazione del mittente, in tale busta non devono essere inseriti altri documenti.

Tale busta contenente l’offerta, dovrà essere inserita in un’altra busta assieme con la documentazione sopra specificata per formare un unico plico (anch’esso chiuso e controfirmato sui lembi di chiusura), da recapitare a mezzo del servizio postale con raccomandata A.R. o a mano all’Ufficio Protocollo del Comune entro le ore 12:00 del giorno di 26 luglio 2019.

Il recapito del plico rimane ad esclusivo rischio del mittente ove per qualsiasi motivo lo stesso non giungesse a destinazione in tempo utile.

Oltre il termine fissato per la presentazione non sarà ritenuta valida altra offerta, anche se sostitutiva od aggiuntiva di offerta precedente.

Non è del pari consentita la presentazione di altra offerta in sede di gara.

Non sono ammesse offerte in ribasso, né contenenti clausole di sorta o condizioni.

Non saranno prese in esame le offerte nel caso in cui manchi o risulti irregolare o incompleto alcuno dei documenti come sopra richiesti.

Determinerà altresì l’esclusione dall’asta pubblica il fatto che l’offerta non sia contenuta nell’apposita busta interna chiusa e controfirmata sui lembi di chiusura, ovvero il fatto che l’offerta stessa rechi correzioni od abrasioni nell’indicazione del prezzo.

Le offerte hanno natura di proposta irrevocabile, sono pertanto, immediatamente vincolanti per l’offerente, mentre ogni effetto giuridico obbligatorio nei confronti del Comune consegue all’aggiudicazione definitiva.

L’offerta costituisce implicita dichiarazione che il prezzo indicato risulta conveniente per la ditta e comprensivo di ogni onere ed incerto, ivi compresi quelli connessi alla sicurezza del cantiere di esbosco.

Gli interessati potranno esaminare i Capitolati Tecnici presso l’Ufficio di Polizia Locale.

 

Aggiudicazione

I singoli lotti saranno aggiudicati al concorrente ammesso alla asta pubblica che avrà offerto il miglior prezzo che eguagli o superi il prezzo a base d’asta.

Alle medesime condizioni si procederà all’aggiudicazione anche in presenza di un’unica offerta valida.

In presenza di due o più offerte uguali per lo stesso lotto ed esse siano accettabili, si procede nella medesima adunanza ad una licitazione fra i concorrenti presenti all’asta, a partiti segreti. In caso di assenza o rifiuto di presentare ulteriori offerte si procederà seduta stante all’aggiudicazione tramite estrazione a sorte.

In caso di discordanza tra la misura espressa in cifre e quella in lettere, prevarrà quella più favorevole per l’Amministrazione.

Avverso il provvedimento di aggiudicazione definitiva può essere proposto ricorso al Tribunale Amministrativo Regionale entro 30 giorni ai sensi degli artt. 119 e 120 del D.Lgs. n. 104 del 2 luglio 2010.

La vendita s’intende per piante sradicate o schiantate (comunque utilizzabili ai fini commerciali o industriali), restando a carico dell’acquirente le spese di taglio, allestimento, misurazione, esbosco, I.V.A., le spese contrattuali ed ogni altra inerente e conseguente. Le spese contrattuali saranno calcolate dopo la gara e dovranno essere versate all’atto della firma del contratto.

 

Modalità di pagamento

Il prezzo del legname è soggetto all’imposta sul valore aggiunto (I.V.A.) nella misura di legge che dovrà essere versata al Comune di Gosaldo, congiuntamente all’importo di ognuna delle rate sottoindicate con fatture da emettersi a pagamento avvenuto:

  • 1^ rata pari al 20% dell’importo calcolato sulla massa presunta alla firma del contratto;
  • 2^ rata, pari alla prima, entro il 31.11.2019;
  • 3^ rata, pari alla prima, entro il 31.03.2020;
  • 4^ rata, pari alla prima, entro il 31.10.2020;
  • 5^ rata, pari al saldo, entro 30 giorni dalla conclusione della misurazione.

L’aggiudicazione definitiva verrà effettuata una volta verificati i requisiti delle ditte vincitrici e il contratto dovrà essere stipulato entro 15 giorni dalla comunicazione alle ditte dell’avvenuta aggiudicazione.

In caso di mancata sottoscrizione del contratto il Comune incamererà la cauzione provvisoria prestata, fatto salvo il risarcimento degli eventuali danni subiti dall’Amministrazione.

Gli aggiudicatari alla firma del contratto devono aver versato il deposito cauzionale, pari al 30% del valore del lotto (IVA esclusa), calcolato sulla massa presunta, anche mediante fideiussione bancaria o assicurativa.

Il deposito cauzionale sarà svincolato a pagamento completo di quanto dovuto e a collaudo positivo del lotto.

 

Criteri d’intervento

Ove possibile la ramaglia dovrà essere concentrata, secondo le curve di livello, evitando tuttavia cumuli di altezze elevate, al fine di favorire le eventuali operazioni di rimboschimento.

Nel caso di impiego di harvester / forwarder la ramaglia dovrà essere distribuita lungo le vie di esbosco in modo da ridurre il costipamento e l’erosione del suolo.

Le ceppaie, ove possibile, dovranno essere riposizionate in sede al fine di prevenire dissesti idrogeologici e il distacco dalle stesse di massi.

In situazioni di elevata pendenza in prossimità di strade e manufatti, considerato che le ceppaie prive di ancoraggio al suolo potrebbero mettersi in movimento, si dovranno sezionare tronchi abbattuti non a filo delle ceppaie, ma lasciando una porzione di fusto intatto di circa 4 mt.

Su richiesta e previa autorizzazione del Comune quale Soggetto attuatore, è consentita la realizzazione di piazzali di prima lavorazione dei lotti legnosi (scortecciatura, depezzatura, cippatura, ecc.), di deposito e di stoccaggio, anche di lungo periodo, del materiale legnoso lavorato, secondo quanto indicato all’art. 12 dell’Ordinanza della Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento della Protezione Civile n. 558 del 15.11.2018.

Per ulteriori dettagli si fa riferimento ai Capitolati Tecnici.

 

Delimitazione del lotto

Vedasi cartografie allegate.

 

Termine per la conclusione dell’utilizzazione e penalità

La conclusione dell’utilizzazione dovrà avvenire entro il 31.12.2020, salvo giustificata richiesta di proroga.

Nel caso l’aggiudicatario non abbia portato a termine l’utilizzazione nel tempo stabilito, sarà obbligato a pagare al Comune una penale di euro 15,00 per ogni giorno di ritardo sul termine fissato. Il legname non utilizzato e non sgombrato entro il periodo fissato resterà a favore del Comune – senza che questo debba pagare all’aggiudicatario indennità o compenso alcuno – oppure il Comune, rinunciando a tale suo diritto, potrà obbligare l’aggiudicatario a portare a termine l’utilizzazione, previo pagamento della penale suindicata.

 

Misurazione

Il legname oggetto di vendita è costituito da piante schiantate a terra, spezzate a metà, in precarie condizioni di equilibrio e palesemente compromesse, nonché cimate, da esboscare, di abete rosso, larice e latifoglia, nonché da materiale da destinare a biomassa da tronchi, come meglio specificati nel Capitolato tecnico.

Poiché il bene oggetto di vendita può essere definito solo sulla base di una superficie presunta e di una quantità presunta, fatta salva la misurazione definitiva, l'aggiudicatario dovrà accettare la quantità di legname risultante dalla suddetta misurazione, senza sollevare eccezioni per eventuali aumenti o riduzioni, anche in riferimento alla superficie, eventualmente appartenente ad ulteriori particelle forestali.

La ditta aggiudicataria è obbligata al prelievo totale del materiale legnoso, compresi ramaglia, cimali e botoli.

Il materiale disboscato dovrà essere accatastato in luogo idoneo alla misurazione e potrà essere allontanato dall'area di stoccaggio solo dopo la misurazione, che potrà essere eseguita in più soluzioni, in base alla necessità di liberare il sito di deposito. Considerate le circostanze eccezionali derivanti dall'evento calamitoso del 29-30 ottobre 2018 eventuali ulteriori necessità potranno essere concordate sul posto con la Guardia Boschiva Comunale.

Oltre a quanto stabilito nel Capitolato tecnico, la misurazione potrà essere effettuata secondo una delle seguenti modalità, in accordo tra le parti alla stipula del contratto:

  • in catasta su piazzali, calcolando il volume sterico, con coefficiente di conversione pari a 0,70;
  • a campione, misurando il volume di un carico con cavalletto dendrometrico;
  • a carico, calcolando il volume sterico, con coefficiente di conversione pari a 0,70.

All’atto della misurazione, i tronchi che dovessero presentare difetti gravi o comunque ben visibili godranno di sconti, la cui entità sarà fissata caso per caso.

Un eventuale sconto unico potrà essere concesso prima di iniziare le operazioni di misurazione: esso verrà determinato dal rappresentante dell’autorità forestale preposta, in accordo con il Comune di Gosaldo e l’aggiudicatario. In tal caso saranno da escludersi ulteriori particolari sconti per qualsiasi difetto.

Il dirigente delle operazioni di misurazione redigerà apposito verbale, che dovrà essere accettato da entrambe le parti.

È in ogni caso espressamente escluso l’asporto del legname prima della misurazione dello stesso.

 

Prescrizioni amministrative

La consegna del lotto avverrà successivamente alla stipula del contratto e al deposito del Documento Unico per la Valutazione Rischi da Interferenze (DUVRI) e del Piano Operativo di Sicurezza (POS).

L’asportazione del legname potrà avvenire esclusivamente previo pagamento del valore della massa misurata e comunque la massa asportabile non potrà superare l’importo versato con le rate stabilite.

L’Amministrazione Comunale si riserva d’impartire ulteriori prescrizioni in ordine di orari di carico e viabilità. Per ogni altro caso si fa riferimento ai Capitolati Tecnici.

 

Norme finali

La ditta aggiudicataria assume ogni onere per garantire l’osservanza delle vigenti disposizioni di legge in materia di prevenzione degli infortuni sul lavoro, sollevando l’amministrazione venditrice da ogni responsabilità in merito.

Tutte le attrezzature e le macchine dovranno essere certificate CE.

Si raccomanda di segnalare adeguatamente l'area del cantiere, soprattutto in prossimità di strade forestali, piste e sentieri.

La ditta aggiudicataria, successivamente alla consegna del lotto, è tenuta a dare comunicazione al Comune dell’inizio dei lavori di taglio ed esbosco del legname, nonché della richiesta di collaudo del lotto ad utilizzazione ultimata.

La ditta esecutrice dei lavori deve essere in possesso del patentino di idoneità forestale in corso di validità, dovrà essere in regola con i versamenti relativi alle posizioni assicurative e contributive per il rispettivo stato, deve aver adempiuto a tutti gli obblighi contenuti in precedenti contratti con la Pubblica Amministrazione appaltante e di non avere con la stessa Amministrazione contenziosi e pendenze in corso, né debiti iscritti a ruolo, pena esclusione dalle utilizzazioni.

La procedura di accesso e disciplinata dalla Legge 7 agosto 1990, n. 241 e s.m.i..

L’Amministrazione comunale non risponde di corpi estranei quali schegge di ferro, chiodi, filo spinato ed altro che risultassero presenti nel corpo legnoso del materiale venduto i cui oneri si ritengono già computati nel prezzo liberamente offerto dalla ditta aggiudicataria.

Si comunica inoltre che i dati personali conferiti dai concorrenti sono utilizzati per consentire l'accertamento dell'idoneità dei concorrenti a partecipare alla presente procedura e per la successiva gestione del contratto di compravendita nel caso in cui l'interessato risultasse aggiudicatario.

I dati saranno trattati prevalentemente con l’ausilio di strumentazione elettronica. Il conferimento da parte dei concorrenti dei dati personali richiesti dal bando di gara è facoltativo, tuttavia il mancato conferimento comporta l'esclusione dalla partecipazione dell’asta pubblica.

I dati personali possono essere comunicati ad Enti Pubblici nell'ambito del procedimento finalizzato all'accertamento della veridicità dei dati conferiti o dell'avvenuto adempimento degli obblighi previsti dalla vigente normativa in relazione al procedimento finalizzato all'assegnazione e alla gestione del contratto di compravendita ovvero per l'adempimento degli obblighi previsti dalla vigente normativa a carico dell'Ente procedente.

I dati personali possono essere altresì comunicati al Personale Dipendente del Comune o di altri Enti Pubblici in convenzione, sempre per finalità connesse allo svolgimento del procedimento; i dati personali possono infine essere comunicati a Soggetti Privati nell'ambito del procedimento di accesso agli atti disciplinato dalla legge 241/1990; i dati possono inoltre essere diffusi in attuazione a specifiche previsioni normative finalizzate a garantire l’imparzialità della procedura d’asta.

L'elenco dei responsabili del trattamento è disponibile presso la Sede Municipale.

L’interessato al trattamento può accedere ai propri dati presso il titolare o il responsabile del trattamento, per verificarne l'utilizzo o, eventualmente per correggerli, aggiornarli nei limiti previsti dalla legge, ovvero per cancellarli o opporsi al loro trattamento se trattati in violazione di legge.

Per quanto non previsto dal presente avviso si fa espresso richiamo al Capo III Sezione I del Regolamento per la contabilità generale dello Stato (approvato con R.D. 23 maggio 1924, n. 827),  al capitolato tecnico, documenti visionabili preso la Segreteria dell’Ente durante le ore d’ufficio (telefono 0437 68105; fax 0437 68427; e-mail: gosaldo@agordino.bl.it; PEC: comune.gosaldo.bl@pecveneto.it).

Ai sensi dell'art. 5 della legge 241/90 si informa che il Responsabile unico del procedimento è il sig. Riccardo Dal Don, Guardia boschiva comunale (si vedano i riferimenti sopra indicati).

Allegati Notizia

Data ultimo aggiornamento: 02/07/2019
Piazza Salvo D'Acquisto, 1 - 32020 Gosaldo (BL)
P.Iva IT 00206570251
gosaldo@agordino.bl.it PEC: comune.gosaldo.bl@pecveneto.it